Gordon Murray, non solo supercar.

1 Luglio 2022

L’azienda automobilistica Gordon Murray Automotive fondata dall’omonimo ingegnere sudafricano, noto soprattutto per i suoi trascorsi in Formula 1 alla Brabham e alla McLaren, produrrà vetture a batteria anche su commissione.

Una divisione creata ad hoc

Pochi giorni fa il costruttore, che ha sede nel Regno Unito a Guildford vicino Londra, ha infatti annunciato l’apertura di una divisone tecnologica in grado di sviluppare veicoli elettrici anche sotto contratto. Questa seguirà nella produzione i principi ingegneristici chiave di Murray riguardo a perfezione, sostenibilità ed efficienza energetica, e avrà acceso alle più avanzate soluzioni per ottenere sui veicoli prestazioni oltre la norma.

Due suv in arrivo

“Abbiamo un team di grande talento, il migliore della categoria, in grado di lavorare con una base di clienti globale, trasformando i veicoli elettrici, la connettività e il trasporto autonomo“, ha detto Gordon Murray, annunciando a breve l’arrivo di due inediti suv con la spina, uno dei quali marchiato dalla Casa e l’altro destinato ad una azienda esterna.

Il processo iStream

Saranno sviluppati impiegando una piattaforma sviluppata internamente e trarranno vantaggio nella costruzione dal processo iStream di Murray il quale prevede che le auto vengano assemblate utilizzando telai tubolari in combinazione con pannelli compositi preassemblati, caratterizzati da una struttura a nido d’ape. Un metodo utile non solo a risparmiare peso, ma capace anche di rendere la produzione più semplice e flessibile.