In Italia aumenta l’uso dell’auto privata.

18 Ottobre 2022

Il 10% degli italiani utilizza l’auto privata più di quanto facesse 5 anni fa. Lo rivela la seconda edizione dell’Osservatorio sugli stili di mobilità degli italiani.

Abitudini che cambiano

Stando allo studio, promosso da Legambiente e Ipsos e con la partnership di Unrae (Unione nazionale rappresentanti veicoli esteri), rispetto a 5 anni fa, il 28% degli intervistati userebbe l’auto più di frequente, il 50% come prima, il 18% meno; con 10 punti percentuali in favore di chi la usa di più. Questo cambiamento nelle abitudini secondo Ipsos sarebbe da ricondurre alla pandemia.

Problemi nel trasporto pubblico

Ma gli italiani sceglierebbero l’auto privata anche a causa delle carenze nel trasporto pubblico: tra tratte non coperte (35%), scarsa frequenza delle corse e ritardi (19%). Molti ritengono inoltre che i mezzi di trasporto pubblici siano scomodi, non climatizzati e poco puliti (13%), e inadatti allo scopo di accompagnare bambini, anziani o persone con limitazioni di mobilità (14%).

Il 93% del campione esaminato avrebbe utilizzato la propria auto nell’ultima settimana, un dato che si riflette nelle 5 grandi aree metropolitane esaminate: 90% a Torino, 88% a Napoli, 87% a Roma, 84% a Firenze, 83% a Milano.

Opinioni sulle nuove energie

Il 67% degli intervistati sarebbe favorevole al processo di elettrificazione dei trasporti, l‘82% è interessato all’acquisto o al noleggio di un’auto elettrica. Fra le diverse condizioni per poterlo fare ci sarebbero secondo il 59% degli intervistati sufficienti incentivi, maggiore autonomia (55%), disponibilità di stazioni di ricarica in città (47%) e fuori città (41%), ricarica più veloce (47%). Non risultano prioritarie invece le prestazioni delle auto (23%) o la disponibilità di modelli (19%).