Lancia Delta Futurista: l’ultima della specie.

25 Ottobre 2022

Automobili Amos ha completato produzione della Lancia Delta Futurista: restomod della iconica sportiva che negli anni ‘80/’90 ha dominato il Campionato del Mondo Rally.

L’ultimo dei 20 esemplari previsti è uscito pochi giorni fa dalle officine della Podium Advanced Technologies: azienda con sede a Pont-Saint-Martin, affiliata nel progetto di sviluppo e costruzione della vettura alla società varesina.

La livrea Martini Racing

A caratterizzare l’esemplare finale della Lancia Delta Futurista è la celebre livrea Martini Racing con delle strisce rosse e blu in evidenza sulla carrozzeria a sfondo bianco, realizzata in materiali compositi e fibra di carbonio, sulla quale spiccano anche lo stemma Lancia sul tetto e la scritta “Martini Legacy” sullo spoiler posteriore.

Un motore da 330 cavalli

Sotto al vestito la vettura prevede come gli altri modelli della serie una meccanica “rivista e corretta” rispetto a quella della Lancia Delta Integrale 16 valvole originale. Con cambio e differenziale rinforzati, oltre a sospensioni, freni e ruote completamente rinnovati.

Impiega un motore da 330 cavalli, associato alla trazione integrale, e può essere personalizzata a seconda delle esigenze del cliente e delle specifiche di omologazione del paese si immatricolazione.

In arrivo la Delta Safarista

«Aver consegnato la ventesima Lancia Delta Futurista è un traguardo importante. Il progetto, avviato nel 2017, ci ha impegnati per diversi anni. Normalmente sviluppiamo prototipi unici, questa è stata la prima occasione in cui abbiamo realizzato una serie. Forti di questa esperienza, siamo pronti per nuove sfide”, ha detto Luca Ciancetti responsabile del team Road Car e Motorsport di Podium Advanced Technologies. Lo stesso ha poi ribadito che è già allo studio la nuova Delta Safarista, ovvero un’evoluzione della Futurista in chiave “off-road” delle quale sono previsti 10 esemplari al prezzo di circa 570 mila euro ciascuno.