Tesla, l’innovazione in mostra.

7 Novembre 2022

Di solito in un museo dedicato alle auto ci vanno i pezzi rari, le auto che nei decenni precedenti hanno fatto la storia dell’automotive o quelle dal valore straordinario, magari perchè appartenute a qualche personaggio celebre. Il Petersen Museum di Los Angeles – una delle istituzioni più note e apprezzate al mondo dagli appassionati delle quattro ruote – ha invece appena annunciato un’esibizione dedicata tutta alle più innovative vetture con marchio Tesla uscite dalla fabbrica di Fremont.

Per veri appassionati

La mostra – destinata ad aprirsi il 20 novembre prossimo e ospitata nel Grand Salon e nella Phillip Sarofim Porte Cochere al primo piano del museo – si intitola Inside Tesla: Supercharging the Electric Revolution e presenta veicoli come i prototipi Cybertruck e Roaster, rispettivamente del 2019 e del 2017, la Model S Plaid che ha battuto il record sul giro del Nurburgring Nordschleife, o la milionesima Tesla mai costruita, una Model Y Performance del 2020.

I visitatori potranno anche ammirare la Roadster “Aerodynamic Buck” del 2005, il prototipo della Model X del 2012, quello della Model 3 del 2016, nonché una versione di sviluppo della Cyberquad del 2019 e alcuni oggetti di SpaceX, Boring Company e Hyperloop.  Non  è la prima volta che il Petersen ospita delle vetture di Tesla, finora si trattava di un veicolo alla volta (tra i più recenti i concept Cybertruck e Roadster), ma mai aveva presentato un catalogo di queste dimensioni dedicato al marchio di elettriche.

Una distrazione per Musk

Secondo il direttore esecutivo del Petersen Automotive Museum, Terry L. Karges, “Tesla ha rivoluzionato gli spazi dell’automobile, dei veicoli elettrici, della tecnologia e della produzione in un arco di tempo relativamente breve. Questa mostra si propone di essere un percorso olistico di come il marchio sia diventato un fenomeno globale e di approfondire i dettagli di ciò che ci aspetta”. Un fenomeno al quale ha contribuito non poco il carisma e il clamore che circonda il ceo del marchio, Elon Musk, ora alle prese con la difficile situazione di Twitter, la piattaforma social che ha acquistato per 44 miliardi di dollari e che è al centro dell’attenzione globale anche per i feroci tagli al personale che lo stesso manager e uomo più ricco del mondo ha annunciato.