Volkswagen, a rischio la fabbrica della Trinity.

18 Novembre 2022

Volkswagen potrebbe rallentare il suo piano di elettrificazione. Secondo l’agenzia Reuters, Oliver Blume – amministratore delegato del gruppo tedesco – starebbe rivedendo i piani per la costruzione di una fabbrica di veicoli a batteria del progetto “Trinity” (la nuova generazione di vetture a emissioni zero del marchio) che sarebbe dovuta sorgere vicino al quartier generale di Wolfsburg.

A marzo Volkswagen aveva stanziato 2 miliardi di euro per avviare entro il 2026 il cantiere del nuovo sito produttivo, pensato inizialmente per realizzare una berlina elettrica basata sulla piattaforma di nuova generazione SSP e con funzioni avanzate di guida autonoma.  

Senza fretta 

L’intenzione iniziale del costruttore era quella di ridurre i tempi di produzione dei suoi veicoli elettrici, in modo da competere con i ritmi di Tesla, che – nella sua fabbrica europea a Berlino – impiegherebbe solo 10 ore per produrre un suv Model Y, a dispetto delle 30 ore necessarie a Volkswagen per assemblare una ID.3. Ma adesso tutta questa fretta sembra non esserci più.  

Serve davvero? 

Recentemente la rivista mensile tedesca Manager Magazin aveva già anticipato le intenzioni di Blume di ritardare dal 2026 al 2030 l’avvio dei lavori, notizie confermate anche dalle fonti di Reuters. Adesso il progetto potrebbe essere addirittura cancellato. Di fatto la produzione della famiglia di auto elettriche “Trinity” resta confermata, ma Volkswagen sta cercando di capire se sia davvero necessaria una nuova fabbrica a Wolfsburg, oppure se la linea di assemblaggio del suo stabilimento principale già esistente possa bastare così com’è. Staremo a vedere.